Da stepchild a asap, guida pratica per sopravvivere all’itanglese che ci invade

Da stepchild a asap, guida pratica per sopravvivere all’itanglese che ci invade. Inglese nelle conversazioni è inarrestabile

Politica, ufficio, moda, tecnologia ecco i termini…trendy

Nel Paese della stepchild adoption e del Jobs Act sono sempre di più i termini inglesi che vengono usati nel linguaggio quotidiano, ma che non sempre sono capiti da tutti gli italiani. ABA English, accademia online di inglese con oltre 6 milioni di alunni che possono accedere indistintamente da dispositivi mobile e computer, ha preparato una guida con gli anglicismi più trendy per aiutare gli italiani a sopravvivere nella tipica giornata itanglese. “La tendenza ad utilizzare anglicismi oggigiorno sembra inarrestabile e sempre di più si utilizzano parole di origine inglese all’interno di conversazioni in italiano” – ricorda Maria Perillo, Chief Learning Officer di ABA English. “Le lingue cambiano e vivono anche di scambi con altre lingue: molte parole inglesi non hanno corrispondenti semplici, diffusi o efficaci, ma bisogna sempre cercare di fare un uso appropriato e consapevole di questi nuovi termini.”

Politica italiana, vocabolario inglese
La politica nostrana non sembra immune dall’uso dell’itanglese (o itanglish). Molti termini inglesi sono stati usati per chiamare le leggi approvate dal governo dell’attuale Premier Matteo Renzi, una su tutte il Jobs Act, ovvero l’antica riforma del lavoro. Più recente è invece la discussione sullastepchild adoption, ovvero la possibilità di adottare il figlio del proprio partner. Già da tempo si parla poi di legge sulla privacy e di riforma del welfare. Insomma, sembra che per essere politically correct in Italia si debba usare l’inglese e poco importa se il leader sia al governo o all’opposizione, visto che per manifestare il proprio dissenso si organizza un family day.

Sorgente: Da stepchild a asap, guida pratica per sopravvivere all’itanglese che ci invade. Inglese nelle conversazioni è inarrestabile – Nuove abitudini – Società – Lifestyle

Visite: 190

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

diciotto + 7 =