Accademia della Crusca 2.0: “Emoticon e abbreviazioni non sono un problema”

Accademia della Crusca 2.0: “Emoticon e abbreviazioni non sono un problema” Il presidente dell’Accademia della Crusca afferma che il vero pericolo per la lingua italiana non è rappresentato dal web, ma dal basso livello culturale di Luigi Caiafa Dopo i dati Ocse sull’alfabetizzazione nel nostro Paese, attraverso i quali emerge …

Continua a leggere

Brainstorming: possiamo dirlo in italiano?

Brainstorming: possiamo dirlo in italiano? La traduzione italiana è “tempesta di cervelli” o al massimo “sessione ideogenetica”, spiega l’Accademia della Crusca. In questo caso salvare la nostra lingua sembra molto difficile di Accademia della Crusca Tratto dal sito dell’Accademia della Crusca Questo termine, che significa letteralmente “tempesta nel cervello, o, …

Continua a leggere

Augurandoci che sia un “buondì” o un “buongiorno”?

Augurandoci che sia un “buondì” o un “buongiorno”? In passato “buondì” era la forma principale e “buongiorno” quella secondaria. Oggi non è più così. Lo spiega il linguista Luca Serianni di Accademia della Crusca Risposte ai quesiti linguistici dell’Accademia della Crusca. Buondì o Buongiorno? E qual è la forma migliore? …

Continua a leggere

Chi sta uccidendo il congiuntivo?

Chi sta uccidendo il congiuntivo? Geppi Patota, accademico della Crusca, al liceo “Maffei” di Riva di Maria Viveros RIVA DEL GARDA. È proprio vero che il congiuntivo sta morendo e che il passato remoto viene gradualmente sostituito dal passato prossimo? Nessun problema: questi verbi non sono ancora in via d’estinzione …

Continua a leggere

Perché rimaniamo “basiti”? Risponde la Crusca

Perché rimaniamo “basiti”? Risponde la Crusca Ha a che fare con la morte, gli svenimenti e la debolezza. Entrato nel linguaggio comune fino a diventare tormentone in “Boris” Tratto da Accademia della Crusca Da dove viene l’espressione “rimango basito”? L’Accademia della Crusca spiega che in origine ha a che fare …

Continua a leggere